LA RIVISTA
  IL FOLKLORE D'ITALIA
CONVENZIONI
  ANDIRIVIENI TRAVEL
  ITALIA EVENTI
  AUTOGRILL
  SIAE
ISCRIZIONE ALLA NEWSLETTER
CONVENZIONE ASSICURATIVA

INFO E RECAPITI

LINKS
  sagreinitalia.it

CONTATTACI



ABBONATI A “IL FOLKLORE D’ITALIA”
Parte la campagna abbonamenti al notiziario della Federazione Italiana Tradizioni Popolari

MUSICA IN FESTA CON “I PADRI DEL FOLKLORE”


Leonardo Riccardi (Basilicata), Diego Cocolin (Friuli Venezia Giulia), Carmelo Chillari (Sicilia), Angelo Torresan (Veneto), Giuseppe Mezzatesta (Calabria), Livio Salvucci (Marche), Antonio Giuliani (Molise), Gabriele Bolis (Lombardia), Nicola Di Lecce (Campania), Sandro Frau (Sardegna), Michele Rinaldi (Puglia). Ecco “I Padri del Folklore” 2010. La quarta edizione del Premio targato Federazione italiana tradizioni popolari si è svolta a Brindisi. Tutti presenti i “padri” presso il Maxicinema “Andromeda” della città del nord del Salento. La suggestiva cornice di una manifestazione curata nei minimi dettagli dalla locale Associazione Culturale “Lu Scattusu”, presieduta dal consigliere nazionale della FITP, Fedele Zurlo. Un evento presentato da Nico Lorusso, con lettura delle motivazioni dei premiati a cura di Nuccio Della Rovere.
Un’edizione che ha puntato i riflettori (e anche le orecchie) sugli strumenti tipici di tutta l’Italia. Ecco sul palco sfilare zampogne, marranzani, la cornamusa veneta, il cembalo, il bufù (tamburo a pressione), il flauto di pan, l’ottavino (un piccolo flauto), il tamburello, il fischietto, le launeddas, la chitarra battente e il basso. Una festa della musica e degli interpreti di questa meravigliosa arte. Tutti con una storia da raccontare. Tante emozioni, sorrisi e anche momenti di commozione. Ricordata, lo ha fatto il segretario generale della FITP, Franco Megna, con una lettera toccante, la signora Maria Giovanna Bocci, mamma del presidente nazionale Benito Ripoli, scomparsa di recente.
Suoni da tutta Italia. Spazio anche all’esibizione dei gruppi “Lu Scattusu”, “Città di Ostuni” (Brindisi) “Lu Barcarulu” di Ostuni (Brindisi) e degli sbandieratori e musici “I Carvinati” di Carovigno (Brindisi). Grande calore nella sala 5 dell’“Andromeda”. Celebrati i cultori delle tradizioni popolari. Coloro che, nel corso della propria vita, dedicano tempo alla ricerca e alla valorizzazione della cultura popolare. Il Premio è stato preceduto dalla presentazione del protocollo d’intesa tra il Miur (Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca) e il Mibac (Ministero per i Beni e le Attività Culturali). Al tavolo dei relatori Antonio Corsi, consulente per le tradizioni popolari del ministro, sen. Sandro Bondi, nonché presidente del Tavolo nazionale per la promozione della musica popolare e amatoriale, il presidente della FITP, Ripoli, il segretario generale Megna, l’assessore Gerardo Bonifati e Mario Atzori, presidente della consulta scientifica della FITP.

La quarta edizione de “I Padri del Folklore” rientrava in una “due giorni” (il “Festival Nazionale della Musica Popolare”, l’altro evento e sempre curato dai componenti de “Lu Scattusu”) patrocinata dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali, dalla Regione Puglia, dal Comune di Brindisi e dall’Apt-Brindisi. Due grandi eventi, una “lunga” manifestazione. Per la FITP sono intervenuti, tra gli altri, il presidente nazionale Benito Ripoli, Luciano Della Costa, presidente onorario, consigliere nazionale e membro del comitato dei saggi, i vicepresidenti Lillo Alessandro ed Elena Bartolomasi, il segretario generale Franco Megna, gli assessori Gerardo Bonifati, Fabrizio Cattaneo, Fabio Filippi e Luigi Scalas, il coordinatore dei consiglieri nazionali, Carmine Gentile, il presidente della consulta scientifica, Mario Atzori, il tesoriere Nino Indaimo, i consiglieri nazionali Maria Francesca Lufrano, Giuditta Deiana, Renata Soravito, Giuseppe D’Alessandro, Luigi Sara, Antonio Giuliani, Fedele Zurlo, Antonio Paolantonio, Antonella Castagna e Gianni Marini, i presidenti dei comitati regionali Giuliano Ierardi (Basilicata), Michele Putrino (Calabria), Enzo Cocca (Campania), Giampiero Crismani (Friuli Venezia Giulia), Giancarlo Castagna (Lombardia), Ivo Polo (Molise), Concetta Masciale (Puglia) e Giommaria Garau (Sardegna). A rappresentare le istituzioni locali, Giampiero Pennetta, presidente del consiglio comunale di Brindisi.

MOTIVAZIONI DEI PREMI

Foto Gallery