LA RIVISTA
  IL FOLKLORE D'ITALIA
CONVENZIONI
  ANDIRIVIENI TRAVEL
  ITALIA EVENTI
  AUTOGRILL
  SIAE
ISCRIZIONE ALLA NEWSLETTER
CONVENZIONE ASSICURATIVA

INFO E RECAPITI

LINKS
  sagreinitalia.it

CONTATTACI



ABBONATI A “IL FOLKLORE D’ITALIA”
Parte la campagna abbonamenti al notiziario della Federazione Italiana Tradizioni Popolari

SUONI ETNICI E FOLKLORICI A SAN GREGORIO MAGNO

Tanti suoni, tanti sound. Folklore e musica etnica si sono incrociati a San Gregorio Magno, in provincia di Salerno, nella “Rassegna di musiche, di Canti folklorici ed etnici”. Punto d’incontro e confronto tra realtà che, per l’occasione, hanno messo in risalto le proprie attitudini. Una edizione ancora una volta ricca di spunti interessanti, quella organizzata in Campania dalla Fitp, dal Gruppo folklorico “Gregoriano” e dal Comune di San Gregorio Magno. Il tutto nel Palasport del locale Centro sportivo trasformatosi in un contenitore speciale con tutti i servizi disponibili. Percorso che premia il lavoro e gli obiettivi della manifestazione.  
Nella sezione etnica, il Gruppo “Santu Pietru cu tutte li chiai” di San Pietro Vernotico (Brindisi) ha fatto suo il primo posto di una Rassegna che non ha mancato di riservare emozioni e momenti di confronto. Il gruppo brindisino, già vincitore dell’edizione 2011, ha presentato un brano inedito sulla tradizione della propria terra conquistando la giura per l’esecuzione, i testi e la capacità di ben rappresentare la cultura popolare di origine. Alle sue spalle gli “Etnikantaro” di Gravina in Puglia (Bari). Sonorità speciali con tinte balcaniche per l’ensemble pugliese, con la contaminazione di strumenti musicali moderni: ingredienti necessari con cui rendere possibile il passaggio generazionale senza essere fagocitati dalla globalizzazione. Al terzo posto i “Novarota” di Eboli (Salerno), realtà che ha dimostrato un interessante impegno di ricerca e metodologia musicale.
Sezione folk. Si è imposto il Gruppo “Calabria Citra” di Morano Calabro (Cosenza), suggellando l’intenso lavoro di ricerca nel campo del folklore e nell’utilizzo di strumenti tipici della cultura calabrese come la lira. A seguire “Lu Chicchiricchì” di Viggiano (Potenza), terzo il Gruppo “Sannicandrese” di San Nicandro Garganico (Foggia), premiato anche per la scelta di trasmettere la cultura popolare alle generazioni più giovani grazie all’utilizzo di un cantante-musicista di appena sette anni.
La Rassegna va in archivio con un bagaglio ricco di spunti. Con la consapevolezza che il percorso intrapreso diventa sempre più interessante. Per alcune realtà servono ancora margini di miglioramento, ma l’obiettivo di questo evento è anche quello di meglio plasmare i gruppi aiutandoli a crescere soprattutto nei metodi di ricerca.

» Motivazioni
» Gruppi partecipanti
» Fotogallery di Ilaria Fioravanti