Stato, Mondo Accademico, F.I.T.P.

img

Con la concordia anche le piccole cose crescono.

Ci stiamo approssimando alla scadenza del mio terzo mandato presidenziale e, nonostante le difficoltà crescenti, di diversa natura, la Federazione, grazie al contributo fattivo ed importante della Dirigenza nazionale, della Consulta scientifica e, soprattutto, dei Gruppi folklorici, continua a percorrere strade importanti ed apprezzabili, costellate da successi, con prospettive sempre più interessanti. Il tutto grazie al clima di concordia e fattiva collaborazione, instaurato nella grande famiglia FITP. Ognuno con le proprie peculiarità, al servizio di uno scopo comune: Con la Concordia anche le piccole cose crescono.

Questa nuova “mens” di collaborazione ha mosso i primi passi nel lontano 2007, anno della mia elezione, è proseguita senza soluzione di continuità e si è rinvigorita negli anni. La nuova mentalità democratica, rinvigorita da forte dibattito politico e, soprattutto, sociale al passo con l’evoluzione della società, ha portato benefici a tutto il movimento: Formazione culturale all’insegna della libertà d’opinione e della ricerca culturale.

2007-2018 dodici anni insieme. Potrebbe essere il titolo di un film, andate a rileggerlo attraverso la splendida rivista, ci ritroverete le più belle pagine della nostra storia. Una storia che fa da fondamenta (culturale) all’attività dei prossimi anni ed, in modo particolare, per questo 2019, iniziato con il botto sia per le manifestazioni già organizzate, che (finalmente !) per l’inedito e positivo rapporto con le istituzioni nazionali.

Questo nuovo anno ci vede proiettati verso la realizzazione di tanti nuovi progetti, ma anche verso il miglioramento e completamento di iniziative già consolidate.

Abbiamo già potuto gustare e vivere momenti esaltanti con manifestazioni che resteranno negli annali della storia FITP. La “Rassegna Nazionale della Musica Popolare”, ancora una volta, ha scandito, con momenti musicali esaltanti, l’importanza di cantare l’amore della gente con le parlate popolari e con la poesia del cuore. Hanno, mirabilmente, convissuto le diverse esigenze musicali e di ricerca con un unico ceppo culturale, ma riarrangiate in modo diverso da quello tradizionale. Il risultato è stato unico: ancora una prova positiva, ancora una scommessa vinta, ancora una manifestazione di grande spettacolo e di significativo taglio culturale.

La manifestazione, svoltasi nella città di San Pio da Pietrelcina, nel mese di gennaio, abbinata all’evento della consegna dei riconoscimenti “ I Padri del Folklore “, ha consolidato il piedistallo su cui costruire una programmazione esaltante.

Nel mese di aprile sono tornate a pulsare le ataviche Culture popolari dei nostri avi, anche attraverso le voci e le emozioni dei nostri “fanciulli”. Ci siamo resi conto di poter gridare con più convinzione che mai: abbiamo un (grande) futuro.

Con “il Fanciullo e il Folklore” siamo tornati anche ad una significativa partecipazione con grandi numeri. Una sentita, preparata e qualificata adesione di gruppi e scuole, con circa settecento fanciulli, provenienti da otto Regioni, che, in un clima d’autentica armonia e spontaneità, hanno creato un’atmosfera pregna d’entusiasmo e giovialità, caratteristiche peculiari di tutti i nostri incontri. Ancora una volta il fascino e la spiritualità della terra che ci ha ospitato, ci ha permeati di una cornice ideale in un abbraccio intenso fra bambini, genitori, accompagnatori e dirigenti.

E’ stato commovente vedere l’affetto, l’amicizia e la sintonia, che ha unito bambini, adulti, insegnanti, famigliari, dirigenti e accompagnatori, in un carosello di gioia, di allegria, all’insegna della speranza e della pace, fra tutti i fanciulli d’Italia.

Grazie Carovigno, grazie Puglia. Da queste pagine giunga forte e sentita la nostra riconoscenza al Sindaco e all’intera Amministrazione della città Brindisina, al Resort Riva Marina di Carovigno (GRAZIE GRAZIE GRAZIE) ed all’intera popolazione, che non ha fatto mancare il giusto calore di affetto ai “fanciulli del folklore”.

Un grazie immenso, personale e di tutto il mondo FITP, va al caro Presidente dei “Carvinati” , Gruppo di sbandieratori di Carovigno, GIANNI MARTINO, organizzatore solerte ed impeccabile di tutto l’Evento. Grazie Giovanni ti ricorderemo con riconoscenza ed affetto.

Non mancano buone notizie neanche dal fronte istituzionale. Finalmente la politica si è accorta di noi ed ha voluto incontrare i vertici della Federazione a Palazzo Chigi. La Dirigenza nazionale è stata ricevuta dal Presidente del Consiglio Giuseppe Conte e si spera (noi ne siamo certi) che nella Sala verde del Palazzo, si siano gettate le basi per un più roseo futuro.

Dopo essere entrati, finalmente, nel mondo accademico, ormai da molti anni, grazie all’opera della nostra “Consulta Scientifica”, finalmente, cade l’ultimo tassello ostativo per una collaborazione a trecento sessanta gradi di coloro che sono preposti alla formazione dell’“Uomo Cultura”: LA FITP – IL MONDO ACCADEMICO – LO STATO.