Noci, Città del Folklore Pugliese 2021

img

«Il folklore non è cultura di serie B, il Folklore è Cultura. In esso è custodito il valore fondante delle nostre radici. Dato recentemente convalidato conferma che il 24% dei turisti sceglie la Puglia per il suo mare, mentre il 50% per entrare in contatto con le autentiche tradizioni identitarie delle quali è ricco il nostro territorio». Tanto ha dichiarato il Direttore del Dipartimento Turismo e Cultura di Regione Puglia Aldo Patruno durante la cerimonia di consegna al Sindaco della targa con la quale si ufficializza l’elezione di Noci a Capitale del Folklore Pugliese per il 2021, avvenuta domenica 28 novembre presso il nuovo Foro Boario di Noci.
Per l’occasione, la Federazione Italiana Tradizioni Popolari ha organizzato una kermesse che ha visto intervenire diverse delegazioni provenienti da tutte le province pugliesi, per fare sfoggio delle migliori esibizioni canore, di abiti tradizionali e balli.
Il riconoscimento è stato assegnato dalla Federazione Italiana Tradizioni Popolari e dalla Regione Puglia nell’ambito di una manifestazione-concorso, organizzata dalla FITP, con il Patrocinio della Regione e grazie al lavoro svolto dal gruppo folk “La Murgia”, fondato con passione da Don Vito Palattella (a cui tutt’oggi è intitolato). Un riconoscimento cui si aggiunge il titolo di “Città del Folklore”.
«La nostra comunità già da tempo è nota per le sua marcata tradizione eno-gastronomica, che dobbiamo alla presenza di prodotti d’eccellenza, uomini e donne che hanno saputo valorizzarli e promuoverli e manifestazioni importanti. Ma tradizione è anche folklore, quella manifestazione genuina della nostra storia popolare, che ci rappresenta e fa parte della nostra cultura. Per questo è un onore poter affiancare al titolo di Città dell’Enogastronomia quello di Città del Folklore.
E di questo ringrazio la Regione Puglia, il Direttore Aldo Patruno, la Federazione Italiana Tradizioni Popolari e in particolare il Presidente nazionale Benito Ripoli, il gruppo folk “La Murgia” e il Presidente Onofrio Ritella, che con il suo lavoro ha reso possibile il raggiungimento di questo risultato, e tutti coloro che in questi anni hanno tenuto contribuito a tenere vive le nostre tradizioni» commenta il Sindaco Domenico Nisi. «Come tutti sanno, da tempo stiamo lavorando sulla realizzazione del programma che abbiamo voluto chiamare ‘Noci città delle arti e della cultura”. E lo stiamo facendo puntando sul recupero e la valorizzazione di ciò che ereditiamo dal passato e sul dialogo con i linguaggi più contemporanei, cercando di abbracciare tutte le manifestazioni della cultura a 360°.
Un lavoro questo che ci vedrà impegnati, con azioni importanti, per tutto il 2022».

Da Legginoci.it